Pensieri quasi invernali di un radical-chic conservatore

Cari amici ed amiche,

è da tempo che non scrivo di cose personali…del resto ogni cosa di intimo che non abbia un impatto pubblico non penso possa avere rilevanza: questa è una vecchia polemica che mi porto dietro dai primi anni dell’università.

Stamane sono uscito per commissioni nella piazza di Ariano ed ho incontrato una carissima persona che mi ha detto:

 ”‘ndo ma nun ti fa cchiù verè?”

 

E’ ormai diventato una sorta di karma: sono passato da “ ‘ndo ndò va?” a “’ndo ma andò stà?”

E’ che dopo un po’ di esperienze negative di quest’estate con qualche indigeno locale (questioni di lavori realizzati, soldi non versati, eventi pubblici mal organizzati) ho meditato sulla frase celebre di Blaise Pascal sull’infelicità e l’incapacità dell’uomo di starsene chiuso in casa, meritandomi sul campo di potermi coprire con un bel talco da miliardario di paolocontiana memoria.

Devo dire che in questo anno di poco sallustiani arresti domiciliari volontari ho conosciuto un sacco di gente bella ed interessante, ho visto un sacco di bei posti, ho goduto di un’immensa qualità di vita con meno di 2 lire, ho fatto un sacco di cose belle senza mai tradire la mia storia, ma continuando a difendere la mia dignità ed identità, senza mai svenderle.

Il 2012, anno della fine del mondo e si spera anche della fine del Monti, è stato un anno fantastico, fra i più belli della mia vita.

Avrei da condividere questa mia gioia con il maggior numero di persone possibile, sempre memore dell’insegnamento di Don Carmelo Nunno:

Tengo tanta gioia ca nun saccio che mi naggia fa. Ni vuò nu pok?

Walking_Alone_by_silentivy

Ma tranne gelosie, invidie e cattiverie il mercato della vita locale non ha avuto molto da offrire ed ho pensato dovendo salvaguardare la mia salute che:

  • la crisi non dovesse riguardarmi
  • i ladri non dovessi più frequentarli
  • i politici dovessero andare a lavorare piuttosto che promettere lavori inesistenti
  • avrei dovuto creare valore per me e per gli altri nei rapporti professionali e nelle relazioni umane in generale

Spero vivamente di incontrarmi nuovamente nell’autenticità delle persone prima possibile, piuttosto che ricevere il saluto di persone che non mi hanno mai salutato solo per farmi vedere la bella macchina che hanno comprato.

Un giorno un amico disse: “per avere un certo tipo di donne a Benevento bisogna avere un parco circolante di Porsche Ferrari Maserati altrimenti non entri”

Rispose un altro amico: “ uagliò vuò sende? Aggio sembe juto nguollo rind a la prisma tutta scasciata di lu boss pure a Benevento!!!”

La sostanza delle persone non è nel possesso ma in quel che si riesce a dare in maniera gratuita e disinteressata. Speriamo di uscire tutti insieme da questa povertà culturale e spirituale che ci attanaglia. Non ci vuole molto: qualche libro in più e qualche birra in meno, qualche parente in meno da sistemare e qualche camminata in più per ritrovare il piacere di stare insieme. Del resto mi domando: “Ma che ce vo?”

Advertisements

Tags: , , , , , , , ,

6 Responses to “Pensieri quasi invernali di un radical-chic conservatore”

  1. Michele Says:

    Come sempre: Grande Zioo!! 🙂 ottimo modo di pensare! penso inoltre che stando in casa e trascorrendo un po di tempo con se stessi aiuti oltre che ad un forte consolidamento del rapporto familiare, anche nel conoscersi meglio interiormente! Passare un po di tempo da soli non può che essere una cosa positiva, non tutti sanno riflettere su se stessi e su cosa vogliono diventare, spero di vederti presto e scambiare due chiacchiere per chiederti ” ndò cum stai? ” ciao zio a presto

  2. Michele Says:

    “del resto ogni cosa di intimo che non abbia un impatto pubblico non penso possa avere rilevanza”

    Non ho tanti anni alle spalle, ho ancora molto da imparare. Un giorno ho conosciuto una ragazza: lei non diceva mai cosa aveva dentro. Aveva difficoltà a parlare dei suoi sentimenti e i problemi preferiva tenerseli per sé. la sua sfera intima era in stretto rapporto con i pensieri della gente! pensava che se si dicesse qualcosa di personale al pubblico quest’ultimo l’avrebbe presa in giro evidenziandone la banalità e l’imbarazzo sarebbe stato troppo! è un problema che non in pochi ci portiamo dietro e forse è proprio per questo che, zio, il governo italiano si approfitta di noi; molto spesso non facciamo sentire la nostra voce, le nostre polemiche e tutto passa indisturbato a svantaggio del popolo. Ora io penso che ogni persona su questo pianeta sia importante per tutti ma solo poche hanno davvero il coraggio di farsi sentire e urlare e scrivere ciò che pensano, perciò una cosa buona da fare io penso che sia che invitare i giovani di oggi a staccarsi dai social network e dalle console per passare un po più di tempo a leggere questi blog e tu zio, cambia idea sul fatto che le cose intime non debbano essere dette 😉 davvero bravooo 🙂

  3. Giuliana Says:

    Mi e’ piaciuto leggere questo tuo post! Ed un po’ mi ci sono ritrovata! Mi ci ritrovo quando sento nelle tue parole la gioia di stare con gli altri, il piacere di un incontro, di una passeggiata per ritrovare e per “ritrovarsi”. Mi piace pensare che c’e’ gente che si entusiasma per le piccole cose! E ti capisco! Comprendo le emozioni i sentimenti e le passioni di chi vive la vita …un po’ cosi’…. Come mi dice qualcuno! Ma a me…. Me piace!

  4. Anonymous Says:

    ni vuless ric pur’io ddoie. Ma ha ritto tutto.

    Con l’affetto di sempre.
    Uffa!

  5. Gabriele Li Pizzi Says:

    Ho sempre pensato che hai una sensibilità speciale e spero che ti dia più frutti e meno delusioni …. anche se è un pò difficile e va provato sulla propria pelle. E’ molto difficile cambiare il marciume che ci circonda dalla politica alle relazioni più spicciole, ma val la pena provarci e non farsi sopraffare. un abbraccio

  6. piccoligandhicrescono Says:

    Premesso che credo d’aver individuato lo stallone-proprietario “de la prisma tutta shkasciata” 😉 , ammetto che leggerti equivale per me a un’ immersione sentimentale in romantiche aure inespropiabili, che ossigenano il cuore e liberano la mente, invitandoli al battito e al pensiero franco, umoristico, simpatico, intelligente ! Sei un gran bel rappresentante d’Umanità Verace, e m’inorgoglisce nell’intimo il legame che ci unisce…. indissolubilmente…..sapore d’Eterno,, in viscere d’Agape fraterno ❤

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: