Me ne vado nella notte logorando strade…

Forse questo è il post più difficile che ho mai scritto….

Avrei voluto scrivere qualcosa per il mio compleanno, ma la giornata è stata cosi bella ed è corsa cosi veloce che non ho avuto modo di scrivere nulla…

Sono contento di scrivere un post oggi, anche oggi una giornata importante…

Sono sempre stato amante di date e numeri, e questo è un guaio perchè non dimentico mai una data ed un numero di telefono e, anche se volessi cancellarli, me li ritrovo per sempre nella mia memoria e non si cancellano mai…

In fondo sono sempre stato cosi, un rude ma inguaribile romantico e chiunque sia riuscito ad andare oltre la mia scorza ha poi conosciuto una bella persona…. cosi almeno mi hanno sempre detto….

Sapete ognuno è vittima del proprio caratteraccio ed io ho un brutto carattere…

Sono un comico nato ma guai  a farmi diventare malinconico….potrebbe scapparci la rissa…. Direbbe Bud Spencer…

Il 13 aprile 2010 è iniziato  verso la mezzanotte….. ho aspettato anche io lo scoccare delle lancette…

Meno 5,  meno 4, meno 3, meno 2, meno 1…. AUGURI!

E poi come mi capitava anni fa non sono riuscito più a dormire: hai voglia a rigirarmi nel letto….

Prima quando ero vittima dell’insonnia mi mettevo a lavorare. Adesso mi vedo un film.

E stanotte ho visto il delizioso ” Amami se hai coraggio” con la splendida Marion Cotillard, splendido esponente della classe di ferro 1975. Un film scelto a caso su Internet  che non ha caso parlava proprio di quello che ho avuto dentro in queste ultime settimane…

Ho preso sonno verso le 5… dovevo lavorare….. dovevo svegliarmi presto che dovevo andare a Napoli….. mi sono svegliato alle 9 è saltato tutto ed ho rimandato tutto a domani con estrema disperazione di un mio cliente… fa niente…..

Anche oggi i soliti gesti di sempre: sveglia con Radio 24,  poi la rassegna stampa di Padre Livio su Radio Maria, colazione, Internet, Corriere della Sera, Corriere dell’Irpinia, posta elettronica, Facebook, e alla fine Excel e la pianificazione del lavoro per la giornata….

Lavoravo e pensavo: a mezzogiorno mi fermo e telefono….. Devo essere sincero: verso le 1130 il cuore ha incominciato ad abbandonare la sua sede naturale ed è pian piano salito in gola…

E poi altro countdown anche se più lento….  11:59, 12:00, 12:01, 12:02; 12:03…

Alla fine ci sono riuscito….

“Pronto!”

” Pronto!”

” Pronto!”

Sembrava una serie infinita divergente….

” Ciao come stai? Tanti auguri per il tuo compleanno!”

” Era da tempo che pensavo di chiamarti, qualche anno almeno…”

” Anche io pensavo di chiamarti da qualche anno.  Grazie per gli auguri! Auguri anche a te ….. anche se con ritardo…..”

Fra marzo e le prime due settimane di aprile nascono gli arieti….. gente tosta ma in fondo buona di cuore… sincera fino in fondo, quasi a fare schifo….

Che dire? Come dice Don Carmelo: ” l’odio non solo ci porta all’inferno, ce lo fa vivere già su questa terra!”

Il più bel regalo che ci possiamo fare è perdonarci, e continuare a volersi bene scegliendo di essere, come scrisse un amico del liceo nel  dedicarmi sul suo primo libro di poesie, più duri del mondo che separa e più testardi della vita che divide.

Anche oggi è in fondo una bella giornata come il sette di aprile scorso… anzi più bella… del resto per quale motivo sento di camminare ad un metro da terra con una gioia profonda nel cuore?

Un grazie a Claudio Baglioni per avermi accompagnato nella stesura del pezzo con ” Quante volte”

Advertisements

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

5 Responses to “Me ne vado nella notte logorando strade…”

  1. luigi ciccarelli Says:

    ciao Anto’
    non ci ho capito granche’ in ‘sto post se non che hai festeggiato il tuo compleanno e percio’ ti lascio qui i miei augurissimi (comunque a me lo hai chiesto il num. di cell dicendo di averlo perso…….:-)

    a presto!

  2. cinzia Says:

    che romanticoneeeeee, siete rimasti davvero in pochi. conservati così e buona fortuna……

  3. Antonio Romano Says:

    Grazie Cinzia,
    vedo che fra gente del 1975 ci si capisce al volo….. quelli de 76 invece già non capiscono…. vedo che pian piano stiamo definendo una identità di generazione! che dire del romanticismo? Beh io non piango mai ai film….ma alle commedie romantiche non riesco proprio a resistere…

  4. maria rita Says:

    Io invece ho capito tutto!!!Ma come al solito mi sono soffermata sulla stesura più che sui contenuti ( rischi del mestiere)
    e più che alle romanticherie ho pensato ai talenti non sfruttati!!! E un sedicente cattolico come te dovrebbe ben conoscerla la nota parabola!!!
    Il mio giudizio te lo lascio cmq
    il post è ben scritto , talmente bene che non si lascia leggere piacevolmente , ma con avidità per la curiosità di vedere come va a finire!!!
    Il finale ce lo metto io xrò
    il passato fa di noi quello che siamo, ma il presente è quello che saremo!!!
    AD MAIORA

  5. manuloc Says:

    sei veramente una persona profonda nei sentimenti, fortuna averti incontrato, credo che avrò molto da imparare…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: