Io voto Gino Cusano alle prossime elezioni regionali, e tu?

Sono da sempre un grande estimatore di Gino Cusano. Un suo estimatore critico: alle scorse provinciali non votai Gino perché non mi piaceva il modo in cui il PDL arianese aveva imbastito l’alleanza con Cosimo Sibilia per il tramite dell’impresentabile ed imbarazzante mago di OZ.

Dissi a Gino che non lo avrei votato e cosi fu. Incidenti di percorso lungo una storia lunga quasi 20 anni ormai. Ieri ha avuto il piacere di volermi chiamare e dirmi di persona della sua candidatura alle regionali.

Ed allora mi sento onorato di sostenerlo in questa campagna, pur dovendomi penso inghiottire il rospo dell’alleanza con l’UDC di De Mita. Sono stato critico con Mara Carfagna nel febbraio 2009, ma sento di dovere scendere in campo per sostenere un amico, una persona onesta, un arianese, uno di noi.

Ortensio Zecchino è una persona cosi onesta intellettualmente che in campagna elettorale nel 2009 prima disse che sarebbe entrato nel PDL, poi vinse le comunali di Ariano con i voti del centro destra ( meno il mio e quello di altri elettori critici…) e poi non solo non è entrato nel PDL ma ha messo in imbarazzo un po’ tutti gli elettori del centro destra con le sue manovre non da erede del popolarismo europeo, ma da losco manovratore in linea con la peggiore tradizione della Democrazia Cristiana degli anni 80…

Come si dice ad Ariano:” alla scioglita di la neve si virino…….”

Mi dispiace solo per Tonino Mainiero che è persona seria ed onesta e che si sta giocando la credibilità politica e di amministratore.

Vi dirò in tutta questa vicenda politica locale ho più simpatia per Ciriaco De Mita che non ha avuto paura di dichiarare guerra ad Ariano che per la banda dello Zecchino d’oro che dicono di amare Ariano ma che nei fatti paralizzano l’attività del comune ed isolano la nostra comunità sempre più senza mai prendere una posizione sulle questioni vere che affligono il nostro territorio.

Anzi si è sentita l’esigenza di far venire ad Ariano Antonio Bassolino per sentirci dire che:“alle zone interne bisogna dare nuova dignità”. Ogni tanto capisco perché Ceasescu ha fatto la fine che ha fatto il giorno di Natale del 1989.

Una parte del PDL arianese in questi tempi è stato troppo debole nella sua prospettiva politica. Pur di non agevolare Cusano nell’ascesa al potere ha preferito fare da zerbino al Ceasescu arianese.

Ma la forza di Gino è stata dirompente, forte di una lunga militanza nel PDL da tempi non sospetti, forte di un serio impegno all’Assessorato ai Lavori Pubblici in provincia, forte del suo lavoro come coordinatore vicario del PDL in provincia, affermando una linea di fermezza nella gestione del partito sul territorio, scontrandosi con Giulia Cosenza ma raccogliendo il plauso sia di Cosimo Sibilia che di tanti elettori e simpatizzanti del PDL.

Gino ha fatto un ottimo lavoro, riconosciuto in 118 comuni su 119.

Sempre Ariano a creare problemi….

E’ pur sempre vero che gli arianesi sono amanti dei forestieri, ma sentirmi dire personalmente da Solimene e De Mita Junior che ad Ariano c’è una perversione che non porta mai ad eleggere nessuno pur avendo i numeri, fa prima rabbia e poi in fondo sorridere. In provincia siamo un nano politico ma un gigante economico. E’ ora di acquisire il peso politico che ci compete.

Penso che Gino possa divenire garante di uno sviluppo armonico ed integrato del comprensorio di Ariano. Del resto Gino ha ormai contatti e relazioni in tutti i paesi della provincia per il ruolo che sta svolgendo in questi mesi. Il progetto del comprensorio è un progetto che viene da lontano e che fa riferimento alle nobili tradizioni politiche e culturali arianesi, che si sono riconosciute nel socialismo e nel socialismo democratico negli anni settanta ed ottanta.

Persone di altre tradizioni e di altra formazione: proprio per questo penso che il voto per Gino debba essere trasversale agli schieramenti politici. Sapendo di non poter contare sui voti degli zecchiniani e delle frange oscure ed oscurantiste del PDL arianese, penso che i fedelissimi di Gino, i simpatizzanti, gli avversari politici lo stimano personalmente, chiunque riconosca in lui l’impegno quotidiano per la politica del territorio e per l’inserimento di Ariano in un circuito più ampio  di relazioni istituzionali e territoriali abbiano l’obbligo morale di sostenere Cusano, se dicono di amare Ariano. Che poi se Gino non si comporta bene, sappiamo dove andarlo a prendere per chiedergli conto del suo mancato operato. Tanto non ha “una casa di mercanti in alto sopra al monte” come cantava Augusto Daolio in “Mercanti e servi” ma “ una casa in basso dopo il ponte….”

Come dice Gino stesso: ”Molte persone mi criticano perché non ho una laurea e non so parlare, ma io conosco i miei limiti! Sadda sta accort chi tene na laurea sape parlà, parla e nun dice nu cazz!!!”

Non so a chi si riferisse ma mi piace pensare che potesse pensare al mago di Oz e a tutti i suoi sciocchi servi, anzi ai suoi sciocchi “servi dei servi dei servi dei servi”. Quelli che in piazza minacciano le persone, quelli che ricattano le persone nelle campagne, quelli che sfruttano il bisogno di lavoro e di reddito della povera gente. Ricordatevi che questa volta per voi è finita. Non saremo più per la legge del perdono ma per quella ebraica dell’occhio per occhio dente per dente giusto per parafrasare Bud Spencer in “ Lo chiamavano Trinità” nell’episodio di Mescal nella valle dei Mormoni.

Privilegiare il raccomandato e figlio di papà estimatore di impermeabili ( in questo ci somigliamo ad onor del vero….) nell’ascesa al potere regionale rispetto a persone serie ed impegnate come Gino Cusano significa volere paralizzare la nostra comunità in regione cosi come oggi è paralizzata in Comune.

Io non mi fido dei miei concittadini perché ai plausi di facciata fanno sempre seguire la meschinità delle operazioni sottobanco.

Arianesi, recuperiamo da tempo il nostro rapporto perduto: ed evitiamo di mandarci a fare in culo una volta per sempre. Anche perché la presunta nobiltà arianese è da tempo immemore decaduta ed Ariano ha bisogno di persone capaci di portare Ariano nel futuro, di creare connessioni e relazioni, non di persone che non sanno neanche mandare una mail.

Advertisements

Tags: , , , , , , ,

5 Responses to “Io voto Gino Cusano alle prossime elezioni regionali, e tu?”

  1. I Says:

    Io no.

  2. mario Says:

    Dopo tanto tempo un post degno.
    Finalmente un post senza cazzate, scritto con moderazione e intelligenza.
    Bravo.
    Stavolta mi sei piaciuto.

  3. lello Says:

    Sicuramente hai una lingua ben allenata per leccare così bene e uno spirito molto critico giacché in nessun rigo della tua velina si fa riferimenti a progetti, idee, iniziative del tuo “eroe” in merito allo sviluppo delle nostre aree. Capisco che il personaggio in questione non ha lauree né capacità dialettiche ma, avresti dovuto, in tal caso parlarci perlomeno delle sue fantastiche doti ideative in campo politico sociale ed economico, delle sue strategie tese allo sviluppo di queste zone invece ti sei limitato a dire di voler votare Cusano e di voler uccidere Bassolino come Ceasescu, di non sopportare De Mita e Zecchino ma doverli ingoiare come rospi. Per la lingua che ti ritrovi non ti sarà difficile ingoiare anche un animale più grosso tipo quello che fornisce i prosciutti.
    Mi raccomando cancella tutto prima di pubblicare, so che Ceasescu l’hanno fatto fuori ma il vizio della censura l’avete ereditato voi.

  4. Anonymous Says:

    sciscia divise gli uomini in tre categorie : uomini,ominicchi,quaquaraqua.
    sicurammente tua collocazione non va oltre i quaquaraqua.

  5. luciano Says:

    Vai Gine! noi preferiamo le persone autentiche, quelle vere…preferiamo l’oro massiccio a quello zecchino…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: