un precursore della sinistra moderna

 

http://www.corriere.it/politica/08_dicembre_05/dvd_craxi_berlusconi_scuole_paola_di_caro_3f546e62-c29a-11dd-8440-00144f02aabc.shtml

di cui in Italia non si vede traccia!

Certa gente che si vergogna di Craxi dovrebbe prima di tutto vergognarsi di se stessa.
Un leader discutibile ma certamente un leader, no come questo mezze calze di oggi incapaci di esprimere un governo serio forte autorevole a livello mondiale.
Leggete il favoloso e monumentale libro di Massimo Pini sul leader di Hammamet.
Molti capirebbero delle cose che si ostina a non capire!
AR
PS: molti ex Ds mi potrebbero dire chi fece entrare il loro partito nell’internazionale socialista? Il leader che durante la clandestinità sosteneva i partiti socialisti spagnolo e portoghese
e che sosteneva Solidarnosc ben prima dell’avvento sul soglio di Pietro di un certo Karol Woityla………
andate a lavorare gente senza memoria

Advertisements

Tags: , , , , , , , , ,

2 Responses to “un precursore della sinistra moderna”

  1. scassilichi..... Says:

    ..si è vero!

    Non è stato solo “la punta ” di “mani pulite”…..

    Anche Benito, lo stesso Hitler, Saddam e ultimamente Bush….hanno fatto per il loro paese tantissime cose positive.

    Perchè criticarli solo o persino vergognarsi di loro…..

    Leaders…. discutibili ….ma certamente leaders…!!!!!!

    La storia andrebbe veramente riletta….BRAVO ANTONIO ROMANO!!!

  2. francesco Says:

    ….buona difesa!!

    Lorenzo Campani aggiunge qualche impressionante e documentato tassello alla vicenda dei rapporti tra il governo italiano e quello di Antigua, da Bettino al Cavaliere, chiudendo il cerchio aperto da Report.
    In sintesi, «nel 1984 il governo presieduto da Craxi decide di finanziare con soldi pubblici la costruzione di resort e strutture di lusso nei Caraibi. (…) Vent’anni dopo, il governo presieduto da Berlusconi cancella il 90 per cento del prestito e degli interessi maturati (pari a circa 160 milioni di euro) accontentandosi di un “pagherò” di 14 milioni di euro».
    In pratica i contribuenti italiani avrebbero finanziato con un prestito la costruzione di lussuosi resort ad Antigua e questo prestito sarebbe stato poi quasi azzerato da Berlusconi, il quale subito dopo ha iniziato a fare business edili sull’isola.
    E non c’era alcun motivo politico reale per ridurre del 90 per cento quel prestito (mica parliamo di Haiti o del Burundi) a parte gli interessi privati del nostro premier.
    Ragazzi, qui si parla di 146 milioni di euro dei cittadini italiani regalati ad Antigua per tenersi buoni i vertici politici locali in vista di affari del tutto personali.
    Alla faccia del bilocale di quell’altro a Montecarlo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: