Lettera ai Senatori e Deputati della XVI legislatura.

Ho mandato a tutti i senatori e deputati della XVI legislatura questa lettera, sperando che qualcuno risponda e che comunque sia alta l’attenzione su tutte le periferie d’Italia.

<!–[if supportFields]> TIME \@ "dddd d MMMM yyyy" <![endif]–>sabato 3 maggio 2008<!–[if supportFields]><![endif]–>

Egregio Onorevole/Senatore,

mi chiamo Antonio Romano e scrivo dall’Irpinia.

La questione recente della gestione Rifiuti in Campania pone un problema generale di assetto del territorio italiano per quel che riguarda la contrapposizione fra zone violentemente urbanizzate e zone periferiche, spesso poco abitate e marginalizzate dal punto di vista politico.

Le città italiane tutte si stanno trasformando in mostri ecologici che per sopravvivere hanno l’esigenza di distruggere intere aree di campagna presenti nel loro anche non immediato circondario. Il caso di Pustarza a Savignano Irpino e di Difesa Grande ad Ariano Irpino è un caso emblematico, di distruzione del paesaggio, di inquinamento delle acque, di distruzione di intere produzioni agricole per soddisfare le fameliche ed insaziabili esigenze delle popolazioni urbane italiane.

Chiediamo che la sua azione legislativa, e quella del gruppo parlamentare al quale Lei appartiene, sia finalizzata:

· a riequilibrare la contrapposizione violenta fra Centro e Periferia dell’Italia

· a difendere promuovere salvaguardare tutti i Territori Interni e le sue Genti

· a perseguire politiche finalizzate a limitare la mobilità urbana per motivi di lavoro a favore di forme avanzate di organizzazione del lavoro, consentite dallo sfruttamento delle attuali tecnologie Informatiche e delle Telecomunicazioni

· a dotare l’Italia delle infrastrutture tecnologiche (ADSL, WI-MAX) che consentano di azzerare il non sostenibile Digital Divide fra Centro e Periferia

Un’Italia moderna è un’Italia unita nelle sue insopprimibili diversità locali, espressione ciascuna di culture uniche ed irripetibili.

Grazie per l’attenzione: spero di poter leggere presto una sua breve risposta.

Antonio Romano

Advertisements

Tags: , , , , , , , ,

20 Responses to “Lettera ai Senatori e Deputati della XVI legislatura.”

  1. Paolo On. Russo Says:

    Caro Antonio mi sembra una riflessione profonda e davvero centrale. Non vorrei però essere accecato dal vivere anch’io in periferia. Mi permetterò di utilizzare le tue sollecitazioni come vivace spunto per un approfondimento più compiuto in sede politico-sociologico-istituzionale. A presto rileggerti Paolo Russo

  2. Andrea On. Sarubbi Says:

    Egregio dott. Romano,

    grazie per avermi scritto e per avermi sottoposto la questione. Come capirà, in questo momento – e nei prossimi anni – il pallino non è nelle mani dell’opposizione. Ma siccome il problema del digital divide è qualcosa che attiene al bene comune, e non alle contrapposizioni partitiche, mi auguro di trovare presto una sponda nella maggioranza.

    Andrea Sarubbi

  3. Raffaele On. Volpi Says:

    Gentile Dottor Romano,

    leggo con piacere la sua e riconosco nelle parole il sentire che Lei porta per la sua terra.

    Credo che da una parte le situazioni territoriali e dall’altra le sue esprienze personali e professionali la portino a considerazioni eleggibili nella categoria del pensiero positivo che sarà l’unico motore possibile per riscattare le parti più svantaggiate del Paese.

    Penso Lei possa immaginera che il mio sentire politico sia fortemente indirizzato a pensare che parte dei probblemi da lei evidenziate trovino soluzione con quelle riforme che sono ormai improrogabili e che vedono in primis l’introduzione di un sistema federale.

    Certo tutto questo sarà possibile con la consapevolezza di dover superare i retaggi istituzionali dei secoli passatti e individuare invece percorsi di rete che consentano di valorizzare le comunità locali nelle loro peculiarità e trovando in esse le occasioni di crescita e di sviluppo.

    Sarò ancora suo intrlocutore se lo riterrà utile ed opportuni.

    Colga il mio cordiale saluto e i migliori auguri nel trasformare idee ed aspettative in realtà positive per Lei e per la sua bella terra.

    Raf Volpi

  4. On. Roberto Cassinelli Says:

    Egregio Dottor Romano,
    i temi che propone sono tutte ampiamente condivisibili, ed in gran parte contenute nel programma del Popolo delle Libertà.
    Posso garantirLe sin d’ora che mi impegnerò affinchè il divario tra Nord e Sud venga sempre affievolendosi, ed affinchè l’Italia possa dotarsi di quelle tecnologie che possano essere utili ai Cittadini e permettano al nostro Paese di tornare competitivo in ogni settore.
    La ringrazio per avermi contattato e, rimanendo a Sua disposizione per qualsivoglia futura esigenza, La saluto molto cordialmente.

  5. Manuela On. Repetti Says:

    Caro Dott. Romano,

    io provengo da una provincia del nord che ancora sopravvive in un giusto equilibrio tra i grandi centri urbani e la periferia, ma mi rendo conto che non ovunque è così.

    Non conosco la sua zona, ma non per questo non mi pongo il problema che molti, come lei, vivono.

    Faccio già fatica al pensiero di abituarmi a vivere, se pur per pochi giorni la settimana, in una città bella ma caotica come Roma, e dunque la capisco e mi trova d’accordo nel sostenere la sua istanza.

    Per ora la saluto cordialmente

    Sua Manuela Repetti

  6. Senatore Paolo Nerozzi Says:

    Egregio dott Romano
    ho letto con interesse la sua mail relativa al drammatico problema dei rifiuti della Campania.
    Mi riservo di approfondire l’argomento insieme agli altri componenti del gruppo parlamentare e spero di tornare presto di nuovo in contatto con lei.
    Cordiali saluti.
    Paolo Nerozzi

  7. Alessandro On. Bratti Says:

    Caro Sig Romano,

    alcuni dei temi da lei sollevati sono al centro delle politiche ambientali del Partito Democratico. Il rapporto tra città e periferia è importante e va affrontato in maniera equilibrata. Nel mio passato ho presieduto l?Associazione Agenda 21 locale che aveva come priorità le politiche urbanistiche e ambientali con lo scopo di coinvolgere i cittadini. L’associazione è ancora molto attiva: http://www.a21italy.it/ e qui potrà forse trovare indicazioni interessanti.

    Grazie

    AB

  8. Maurizio On. Paniz Says:

    Grazie per la segnalazione, che girerò subito a chi di dovere.

    Cordialmente.

    Maurizio Paniz

  9. Massimo On. Vannucci Says:

    sig Romano

    condivido parola per parola la sua nota.

    sono stato relatore nella passata legislatura di una legge a favore delle aree dei comuni con meno di 5000 abitanti tesa a promuovere politiche di riequilibrio Atto camera 15.

    vi è necessità di una grande politica nazionale come si sta facendo in tanti paesi europei tesa a favorire la corretta distribuzione della popolazione nel teritorio, solo salvaguardando adeguati tassi di densità di popolazione possiamo risolvere il problema.

    La proposta di legge che venne approvata alla unanimità alla camera verrà subito riproposta.

    la guardi e mi faccia sapere

    saluti

    Vannucci

  10. Nunzia On. De Girolamo Says:

    Lei ha chiesto ciò di cui mi occuperò, almeno indirettamente, perchè una Italia moderna non può avere tante zone bianche, non può permettere che certi territori restino isolati, e in campania non può consentire al napolicentrismo di vincere sulle altre prov. come la Sua e come la mia.
    a presto
    on. nunzia De Girolamo

  11. on. Souad Sbai Says:

    Gentile dott. Romano,

    la ringrazio per la sua lettera e per avere posta alla mia attenzione questi temi così importanti.

    Spero di essere all’altezza del compito che mi è stato affidato.

    Le invio i mei più cordiali saluti, cordialmente,

    Souad Sbai

  12. On. Edmondo Cirielli Says:

    Egregio Dottor Romano,

    condivido quanto da Lei esposto, e penso di non essere il solo.
    Abbiamo un Ministro per l’Innovazione Tecnologica, Lucio Stanca, che credo metterà in cantiere queste trasformazioni.
    Nei limiti delle mie competenze e possibilità tenterò di dare il mio contributo.
    Cordialmente
    On. Edmondo Cirielli

  13. Senatore Francesco Pardi Says:

    Caro Dott. Romano,
    nella mia professione mi occupo di paesaggio e urbanistica e faccio parte di una scuola molto sensibile all’intreccio di natura e storia, e alla salvaguardia della sostenibilità ambientale.
    Quindi sono in grado di capire il senso complessivo delle sue preoccupazioni. Tra l’altro ho un contatto diretto con la sua terra tramite Franco Arminio, scrittore e insegnante, molto attento ai processi di trasformazione del vostro mondo.
    La nostra futura azione legislativa sarà di sicuro orientata nel senso da lei auspicato. Resta da vederne l’effetto, dato che la maggioranza ha i numeri per far passare in aula qualsiasi cosa.
    Manteniamoci in contatto. Un saluto cordiale,
    Francesco Pardi

  14. On. Pierfelice Zazzera Says:

    Preg.mo sig. Romano,

    innanzitutto La ringrazio per i suggerimenti legislativi che mi ha voluto inviare perché sono tutti non soltanto pienamente condivisibili, ma anche estremamente opportuni, considerata la condizione delicata in cui attualmente versa il nostro territorio.

    Non escludo inoltre che almeno una delle importanti problematiche da Lei evidenziate possa divenire oggetto di una mia futura interrogazione parlamentare.

    La saluto cordialmente.

    On. Pierfelice Zazzera

  15. Fiamma On. Nirenstein Says:

    Gentile sig. Romano,
    la ringrazio dei suggerimenti e motivi di riflessione. Li terrò senza dubbio in dovuta considerazione.
    Cordiali saluti,
    Fiamma Nirenstein

  16. Leoluca On. Orlando Says:

    Carissimo,

    ho ricevuto la Sua e-mail e concordo sulla esigenza di dedicare specifica attenzione al territorio, ai territori, agli squilibri territoriali.

    Le liste civiche prima e la Lega Nord poi hanno introdotto, pur con differenziazioni, nel dibattito politico il territorio come interesse politico primario.

    Tale affermazione senza un impianto valoriale rischia di alimentare localismi soffocanti ed egoismi.

    Sta qui in questa convinzione che caduto il muro di Berlino possono e – per me – devono – cadere i recinti ideologici (restano invece le ideologie ): “oltre i colori, i valori” credo possa riassumere il profilo culturale e politico del nostro partito.

    Questa premessa per ribadire la mia convinzione che le sue proposte sono tutte dentro la cornice valoriale che ho richiamato: identità e territorio (e non più identità solo di sangue), identità e tempo (pensare in modo antico.-non vecchio: le cose vecchie si buttano- si trasformano, le antiche si conservano. Pensare in modo antico, appunto, e parlare la lingua dei contemporanei).

    Parlare la lingua dei contemporanei è il ricorso a infrastrutture immateriali (cultura, valori, legalità) e a infrastrutture tecnologiche, che superano – nella logica di nodi di Rete – vecchio rapporto centro-periferia.

    Scambiamoci i migliori auguri in questo nostro Paese

    Leoluca Orlando

  17. Pier Paolo On. Baretta Says:

    Egr. Sig. Romano,

    riesco a rispondere solo ora al Suo messaggio e mi scuso di ciò.

    Ho molto apprezzato la sensibilità e le proposte contenute nella Sua mail a proposito di una seria attenzione al territorio e al suo equilibrio, oggi così minacciati.

    Non ho una adeguata esperienza in materia, ma la Sua lettera mi stimola ad approfondire l’argomento, cosa che farò certamente al fine, come dice giustamente Lei, di attivare “una azione legislativa consapevole”.

    Per intanto, ringraziandoLa sinceramente di avermi scritto,

    La saluto cordialmente,

    Pier Paolo Baretta

  18. Senatore Pietro Ichino Says:

    Caro Romano,
    ho ricevuto il Suo messaggio, del quale condivido in pieno lo spirito e la lettera. Spero di essere in grado, nei limiti delle mie competenze specifiche, di realizzare quanto Lei auspica.
    La invito a visitare il mio sito: http://www.pietroichino.it e La saluto molto cordialmente
    Pietro Ichino

  19. Antonio Romano Says:

    Pregiatissimo Professor Ichino,
    è con molto onore che ricevo la sua risposta. Penso che oggi più che mai sia importante dare spazio e visibilità a zone dell’Italia troppo spesso dimenticate perchè fuori dai circuiti dell’economia e del lavoro che conta.
    Non è assolutamente giusto e perfettamente antidemocratico considerare alcune zone di serie A ed altre di serie B.
    Questo purtroppo accade in Regione Campania dove le province interne di Benevento ed Avellino subiscono la presenza angusta di Napoli.
    Un caso limite secondo me di Centralismo Regionale.
    Anche se non ho votato la sua parte politica, apprezzo molto il suo lavoro ed il suo impegno culturale e professionale.
    a presto sentirla e leggerla
    Antonio Romano

  20. Onorevole Gianfranco Paglia Says:

    Egr.Sig.Romano,
    i problemi che lei evidenzia sono certamente importanti. Come lei saprà ci accingeremo in questa legislatura a legiferare sul federalismo: spero che alcuni dei problemi da lei citati vengano risolti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: