Grazie Walter Veltroni per averci liberato da De Mita

Pregiatissimo Walter Veltroni,

 

sono Antonio Romano e scrivo da Ariano Irpino. Volevo ringraziarla di cuore, penso interpretando anche il sentimento di tanti altri irpini, per aver estromesso Ciriaco De Mita dal PD. Io che sono elettore di Centro Destra penso di votare PD alla Camera, per premiare questa sua favolosa scelta di campo.

Penso però che l’opera di pulizia non possa finire sul Rais di Nusco ma debba andare in profondità fino ad arrivare ai fedelissimi, onde evitare che De Mita continui a comandare le varie amministrazioni pubbliche locali irpine attraverso i suoi fedelissimi rimasti nel PD, indipendentemente poi dalla collocazione politica che vorrà prendere lo stesso Ciriaco De Mita.

 

Azzerare il PD Campano, mi sembra un obbligo morale 

 

Il partito irpino deve essere commissariato, visti ad esempio i metodi di selezione ed elezione della segreteria provinciale, viste le metodologie di lottizzazione e gestione ad esempio della Sanità Campana. La necessità è quella di procedere alla “bonifica ambientale” di tutte le amministrazioni dove suoi uomini siano presenti. Gli ospedali, le Asl, i consorzi di bonifica, le comunità montane, gli enti. Se vuole le fornisco l’elenco dei nomi.

Il presidente del Consorzio di Smaltimento Rifiuti Avellino 2, il presidente della Comunità Montana dell’Ufita, il direttore Sanitario dell’ASL 1 AV sono tutti suoi fedelissimi. Sono solo esempi di come la sua struttura di colonnelli sia stata finalizzata a mantenere lo status Quo irpino e a frenare lo sviluppo della nostra terra.

L’equilibrio che sussiste fra zone interne e zone costiere della Campania si reggeva grazie al patto fra il Nuschese ed Antonio Bassolino. Fare pulizia totale inoltre di molti esponenti del PD Campano, sapendo inoltre della valenza strategica della Campania per le sorti del centro sinistra italiano. L’Irpinia democratica oggi esulta nella speranza che si crei una contrapposizione politica fra le parti sana, dove il confronto e l’assenza di dittatori democratici come De Mita sia la regola.

 

 Mandare a casa il Ceasescu della Campania mi sembra il minimo

 

Con immensa stima

 

Advertisements

Tags: , , , ,

4 Responses to “Grazie Walter Veltroni per averci liberato da De Mita”

  1. RobertoC. Says:

    COSSIGA SU DE MITA:
    “Esimio Onorevole, da lunghissimo tempo ormai i nostri rapporti si sono definitivamente deteriorati e si sono non interrotti, ma rotti. Io comunque Le serbo riconoscenza per essere stato Lei a farmi eleggere presidente del Senato, pur avendo prima capeggiato i “franchi tiratori” democratico-cristiani che fecero cadere il mio secondo Governo; ed anche per avermi fatto eleggere alla presidenza della Repubblica, se pur come candidato di risulta. Poi, ovviamente, capeggio’ con i Suoi amici del Gruppo La Repubblica-L’Espresso la dura campagna di diffamazione e delegittimazione nei miei confronti. Ma Lei rimane pur sempre per me uno dei leader piu’ prestigiosi e intelligenti della Democrazia Cristiana e in essa della Sinistra di Base, anche se pessimo segretario politico e ancor peggiore Ministro e Presidente del consiglio: una versione moderna e democratica del clientelismo meridionale, che peraltro il grande liberal-democratico Giovanni Amendola giudicava positivamente come una necessaria e utile tappa della democratizzazione della politica nel Sud. Lei rimarra’ sempre nella storia politica del Paese e in particolare in quella della Democrazia Cristiana, nel male e nel bene, una figura importante e signficativa. E’ ingiusto che non la vogliano ricandidare! Non immiserisca pero’ questa Sua figura, La prego – anche a difesa della dignita’ di tutti noi democratico-cristiani -, insistendo per essere candidato nel Partito Democratico che non La vuole. E, La prego! non scivoli nel patetico e nel ridicolo, dando vita ad una piccola e fasulla lista campana! Caso mai, in cambio, si faccia dare… qualche ASL! Con osservanza FRANCESCO COSSIGA”.

  2. RobertoC. Says:

    De Mita ha risposto:
    “Io non parlo di Cossiga dal 1990. Non so nemmeno se è vivo”

    Sul velino la risposta di Cossiga:

    Elezioni, Cossiga a De Mita: Non conti niente
    Roma, 21 feb (Velino) –
    Il portavoce del senatore a vita Francesco Cossiga rende noto il seguente comunicato dell’ex capo dello Stato a Ciriaco De Mita:
    “Ex-onorevole De Mita, sono vivo, sono vivo! E io conto e nessuno mi ha mai preso a calci nel c…! Mentre Lei non conta un c…. L’hanno presa a calci in c….! Ma si faccia dare, o faccia dare a suo figlio, una consulenza dal suo amico ing. De Benedetti: e perché non anche al suo amico praghese Orfei, ‘combattente per la pace?’”.

  3. luciana Says:

    ho pensato che se veltroni ha escluso un politco preparato come de mita, con 50 anni di esperienza, mi posso consolare se a 52 anni, dopo 36 ani di lavoro in ospedale di cui 20 di radiologia, non mi hanno dato il ruolo di caposala per darlo a una giovane che non aveva mai fatto un giorno di radiologia (mal comune mezzo gaudio) e così pure ad altre colleghe, “bruciate perchè avevano poco più di 50 anni”. non penserà mica i PD che poi uno continui a lavorare lo stesso per tirare l’acqua al mulino degli altri, la gente se ne va sbattendo la porta e quindi la fuga dell’esperienza! sarà un bene per il paese? sarà stato un bene per gli utenti del mio ospedale che abbiano castrato almeno 10 operatrici sanitarie (che poi adesso che ci penso solo alle donne) che poi non danno più la loro esperienza e nemmeno l’asl ha soldi per riassumere personale? Bisognerebbe che gli utenti fossero al corrente di cosa succede all’interno delle strutture, poi forse si stupirebbero di poter usufruire di quel che nonostante i politici il sistema sanitario nazionale riesce a dare.
    ho trovato l’esposizione di de mita avvincente, al contrario di quella di tabucchi e bindi, però secondo me il politichese deve essere fuso con l’imprenditoriale, neanche i politici possono essere tuttologi e ognuno deve svolgere singolarmente un ruolo all’interno di un gruppo.

  4. giovanni orsogna Says:

    Verso il futuro… inizia una nuova stagione per la Campania e l’Irpinia, forse i baronati finiranno…
    spetta ai cittadini con il voto nel giudicare questo o quel politico. Mi piace segnalare nuovi volti e giovani “seri” ed impegnati quotidianamente…
    Segnalo la lettera aperta a Walter Veltroni:
    Alla cortese attenzione
    del Presidente Walter Veltroni
    Roma

    Esimio Presidente,

    plaudo al coraggio del grande rinnovamento della politica italiana, in particolare alla determinazione di dare una ventata di primavera all’organizzazione e alla rappresentanza politica del Partito Democratico, lo svecchiamento di alcune rappresentanze parlamentari che detenevano un sistema oligarchico di potere, sicuramente riavvicinerà la gente e i giovani all’impegno politico.

    Anche nella nostra Campania, urgeva da tempo la necessità di dare una svolta, di rinnovare e rideterminare le candidature all’insegna del rinnovamento, di dare spazio soprattutto alle liste di donne impegnate in politica e di quelle che ne hanno fatto una missione diuturna, nel silenzio e con la forza dell’intelligenza, della caparbietà hanno ottenuto non pochi successi.
    Desidero segnalare il caso di una giovane donna irpina, sindaco in trincea, che ha portato in alto le idee di chiarezza, di lungimiranza e di libertà. L’Architetto Donatella Martino, giovane donna di 37 anni, Sindaco di Greci (Avellino), è stata notata ed apprezzata per la forza del suo impegno in politica attiva, oltre a dare pieno sostegno al Partito Democratico nascente, ha ottenuto successi in campo amministrativo, facendo della sua comunità un polo attrattore per la rinascita e gli interventi di ricostruzione e completamento delle opere infrastrutturali della comunità.

    E’ molto apprezzata anche per il ruolo di coordinamento dell’area della Valle dell’Ufita, del Miscano e dell’Arianese, zona nota per le vicende delle discariche e per i siti individuati per l’emergenza rifiuti. La stessa ha attuato nel comune di Greci la raccolta differenziata al 70%, rientrando in tale ambito tra i comuni virtuosi della Campania.

    Per tutti questi meriti e primo tra questi per l’integrità personale e civile, dall’Assemblea provinciale di Avellino del Partito Democratico, il Sindaco Martino è stata inserita nella rosa dei possibili candidati alla Camera dei Deputati e trasmessa all’attenzione della S. V. .

    Come aderente al Partito Democratico, e particolare sostenitore, mi permetto di segnalare la persona di notevole spessore dell’Arch. Donatello Martino, sindaco di Greci (Av) che può degnamente rappresentare quest’area territoriale della provincia di Avellino, sarà certamente sostenuta anche dalla base, dai giovani, irpini e simpatizzanti del Partito Democratico.

    Auguro un grande futuro a Lei e al Partito Democratico che è la nostra speranza per costruire un’ Italia democratica, libera e sensibile ai bisogni degli italiani.
    UNITI SI PUO’!
    Grazie Presidente per il suo impegno per il bene della nostra nazione e auguri che non le manchino le necessarie energie.

    Con stima e amicizia
    Ariano Irpino, 1 marzo 2008
    Giovanni Orsogna e Giuseppina Catri

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: